Lampadari: una guida tutta dedicata

Benvenuto nella prima guida italiana interamente dedicata ai Lampadari! All'interno di questo portale web potrai trovare informazioni di sicuro interesse sul mondo dei lampadari: news, offerte, descrizioni, approfondimenti, consigli per i tuoi acquisti e molto altro ancora.

Lampadari: conosciamoli meglio...la storia.

Il lampadario nasce come sistema per favorire l'illuminazione all'interno dell'abitazione.
È un oggetto che ha una lunga storia: già gli antichi romani realizzavano lampadari rudimentali, che funzionavano ad olio. Le antiche popolazioni hanno sempre cercato la maniera migliore per illuminare il proprio ambiente, per questo il lampadario ha conosciuto un'evoluzione costante.
I primi lampadari funzionavano con olio, petrolio, grassi animali o, in seguito, con candele. Nel corso del tempo e con la nascita dell'elettricità, quest'oggetto si è sempre più evoluto, trasformandosi in un elemento fondamentale nell'arredamento della casa.

I primi veri e propri lampadari si diffondono nel corso del medioevo e sono realizzati quasi sempre in legno o metallo: sono sospesi al soffitto e per illuminare gli ambienti utilizzano candele. Già fin dalle prime fasi della sua nascita, il lampadario viene realizzato in un'ottica non solo utilitaristica, ma anche estetica. È nel corso del settecento che il lampadario conosce un'amplissima diffusione e si assiste ad una vera e propria rivoluzione nella realizzazione di questo oggetto. Invece di utilizzare il ferro o il legno (come si faceva in passato) si utilizza il vetro, materiale che garantisce una rifrazione della luce eccellente.
Iniziano delle vere e proprie creazioni artistiche, con lampadari che sono dei capolavori assoluti.
In questo periodo cambia completamente la forma del lampadario: se nel medioevo i lampadari erano prevalentemente a forma circolare o a crociera, adesso si predilige la forma a colonna che garantisce un effetto estetico sorprendente. Inoltre nel corso del medioevo quest'oggetto veniva utilizzato prevalentemente nelle chiese e raramente nelle abitazioni private; nel settecento la diffusione del lampadario è enorme: non c'è dimora di ricchi signori che non ne possegga uno.

Il lampadario diventa un oggetto artistico

lampadario antico È Venezia la città che rende il lampadario un oggetto esteticamente all'avanguardia: gli artigiani realizzano piccoli capolavori con struttura in ferro e ricoperti di ciocche di vetro. Anche a Londra e in Francia comincia la produzione di splendidi lampadari finemente decorati.
Nel corso dell'ottocento i lampadari si evolvono ancora: nascono i cosiddetti lampadari pendenti, realizzati con cristalli a goccia o a spirale. Lo stile si fa sempre più pomposo e il lampadario diventa sempre più un elemento d'arredo.
Il novecento rappresenta un'ulteriore evoluzione dello stile del lampadario che si trasforma ancora: da oggetto di decorazione, diventa un elemento utile e pratico. Lo stile si fa più sobrio iniziano ad essere utilizzati altri materiali quali: ferro battuto, legno, ceramica. La storia del design del novecento si evolve in chiave moderna. I lampadari diventano oggetti di uso comune e per questo motivo il loro stile diventa molto più semplice. Nascono nuove forme e nuovi lampadari quali: le applique, i faretti e viene anche rivisitata in chiave moderna, la lampada.

Dal classico al moderno

lampadario moderno La nascita dell'elettricità porta ovviamente cambiamenti abissali allo stile e al design del lampadario che si trasforma in un oggetto che deve "arredare" e illuminare ma nello stesso tempo deve essere pratico e funzionale.
I lampadari moderni rappresentano lo stile eclettico della società contemporanea: se ne trovano in ogni forma, dimensione, materiale e colore. Oggi, chi desidera un lampadario per la propria abitazione, può scegliere tra una vastissima gamma di opportunità: lampadari sospesi, lampade, plafoniere, piantane, faretti.
Moltissimi gli elementi con cui è possibile realizzare lampadari. Sul mercato ci sono lampadari in vetro, in cristallo, in ottone, in ferro battuto, in materiali riciclabili, in vetro di Murano, in ceramica, in legno, in bronzo, in alluminio.
Il lampadario rappresenta dunque un elemento essenziale per completare l'arredamento della propria casa ed è dunque di fondamentale importanza fare attenzione alla qualità. I designer si cimentano in creazioni di lampadari degli stili diversi: etnici, moderni, classici, contemporanei, in arte povera, stile liberty, barocco, rococò o neoclassico.
Negli ultimi tempi si è diffusa una grande sensibilità ecologica, grande attenzione al risparmio energetico: con lampadine ecologiche in grado di risparmiare sui consumi di elettricità.
Tra i sistemi di illuminazione utilizzata ci sono anche le luci a LED molto convenienti.
Il lampadario e l'oggetto intorno al quale ruota anche il benessere della persona: per avere una buona qualità della vita, bisogna avere una giusta quantità di luce all'interno della casa. Gli architetti d'interni preferiscono, per questo motivo, utilizzare comodissimi faretti da installare nei punti strategici dell'abitazione, in modo tale da garantire la giusta quantità di luce in ogni momento. La storia del lampadario è l'emblema di come un oggetto di uso comune e di grande utilità possa diventare anche uno strumento per decorare ed abbellire la propria casa.